Bando UniCredit Carta E 2017: strategie di coesione sociale per i giovani

By Elena Merlo 1 month agoNo Comments
Home  /  Innovazione Sociale  /  Bando UniCredit Carta E 2017: strategie di coesione sociale per i giovani
unicredit carta e

Al via l’edizione 2017 del Bando UniCredit Carta E di UniCredit Foundation, a sostegno di organizzazioni non profit che promuovono l’occupazione giovanile in Italia attraverso attività di imprenditorialità sociale. Anche quest’anno Make a Cube3 collabora al Bando erogando le attività di pre-incubazione e incubazione alle realtà selezionate, con l’obiettivo di rafforzare le loro competenze manageriali e dando loro gli strumenti necessari per la sostenibilità dei progetti.

L’investimento previsto dal bando è di 500 mila euro, che saranno erogati sotto forma di grant, mentoring e incubazione, messi a disposizione grazie a UniCreditCard Flexia Classic Etica.

Le candidature possono essere presentate attraverso la piattaforma IdeaTRE60 promossa dalla Fondazione Accenture Italia, partner tecnico del Bando, dall’11 ottobre al 20 dicembre 2017, compilando il form e raccontando la propria idea progettuale di cambiamento sociale per combattere la disoccupazione che colpisce ragazze e ragazzi italiani, nella fascia d’età 15-29 anni.

A febbraio saranno selezionati i 20 progetti finalisti, che avranno accesso a una fase di pre-incubazioneL’incubazione e l’erogazione dei contributi, pari a 42.500 Euro ciascuno, è destinata invece ai 10 progetti vincitori: 7 di questi dovranno dimostrare di avere un impatto diretto, cioè creare occupazione nell’ambito del progetto imprenditoriale sostenuto, nelle 7 aree territoriali di intervento di UniCredit in Italia; 3 invece dovranno essere capaci di generare un impatto indiretto, in grado cioè di sviluppare azioni,  infrastrutture e reti che possano rafforzare la capacità di una o più realtà imprenditoriali sociali a raggiungere una scala nazionale.

Candita il tuo progetto qui.

Category:
  Innovazione Sociale
this post was shared 0 times
 000

Leave a Reply