• Make a Cube³ 

    è il primo incubatore e acceleratore in Italia specializzato
    in imprese ad alto valore sociale, ambientale e culturale
     
  • Compagni di viaggio 

    Le startup con cui abbiamo collaborato Scopri  
  • Culturability

    Rigenerare spazi da condividere
    La call è aperta fino al 13 aprile 2017
    Invia la tua domanda
1
/
3
/

Siamo

Siamo una joint venture Avanzi e Make a Change.
Dal 2011 ci occupiamo di innovazione sociale.
Offriamo quattro tipologie di servizi.

Make a Cube³ Warm up

Laboratorio per chi ha idee, ma deve mettere a fuoco il business model. Lezioni frontali e workshop per un percorso interattivo di crescita

Scopri di più

Make a Cube³ HD

Incubazione ad alta densità dedicata a gruppi di startup. Lavoro full-time per massimizzare le sinergie e aumentare la visibilità sul mercato

Scopri di più

Make a Cube³ 121

Ogni idee ha il giusto percorso. Ogni imprenditore, il giusto tempo. Affiancamento tailor-made per idee e imprese innovative e competitive

Scopri di più

Make a Cube³ Open Innovation

Consulenza a grandi aziende profit e no profit, e a istituzioni pubbliche per lo sviluppo di nuove imprese ad alto valore ambientale e sociale

Scopri di più

HAI UN’IDEA IN GRADO DI CAMBIARE IL MONDO?

Mostracela

Il nostro blog

Social Business Demo: apre l’Under18 Market

10 March 2017
Social Business Demo è un progetto di educazione all’imprendere promosso da Make a Cube³ e Avanzi, con la collaborazione di Base Milano e dell’Istituto Tecnico Commerciale Zappa di Milano. Social Business Demo è un percorso e una piattaforma di dimostrazione e di sviluppo di attitudini all’imprendere, destinato a ragazzi tra i 13 e i 19 anni, anche nell’ambito di progetti di Alternanza scuola-lavoro e/o Impresa Formativa Simulata. Il percorso prevede una fase iniziale di apprendimento, da svolgersi prevalentemente presso l’istituto scolastico, che culmina con l’apertura al pubblico di un’attività implementata e gestita dagli stessi ragazzi, in uno spazio esterno alla struttura scolastica. Social Business Demo propone un modello fresco, veloce, intenso e ingaggiante di sviluppo di un progetto imprenditoriale. Prevede l’organizzazione di un’attività aperta al pubblico per pochi giorni durante i quali gli studenti coinvolti avranno l’occasione di consolidare le loro soft skills: risolvere problemi, lavorare in squadra, entrare in empatia con altri soggetti, adattarsi al contesto, essere resilienti, migliorare, rileggere criticamente la propria esperienza. Elementi distintivi di Social Business Demo sono: dal lavoro desk all’operatività sul campo dal profitto alla sostenibilità ambientale e sociale dal progetto di altri al progetto che appassiona i ragazzi dal fare impresa a imparare a intraprendere da un singolo gruppo a un’intera città da progetti puntuali a un grande progetto scalabile Social Business Demo si sviluppa in fasi successive che vedono la selezione di un’attività imprenditoriale da avviare in modalità demo, il design dell’attività, la progettazione operativa delle attività da svolgere, la realizzazione e il confronto con il pubblico, la valutazione dell’esperienza. Il pilota, avviato all’inizio di febbraio, ha coinvolto due classi terze dell’Istituto Tecnico Zappa, per un totale di quasi 60 studenti tra i 16 e i 18 anni, alle prese con la progettazione e l’implementazione di 6 attività imprenditoriali interamente sviluppate da loro con il supporto del nostro team. Nella fase finale, di realizzazione, le attività imprenditoriali apriranno al pubblico il loro temporary shop a Base Milano, dal 13 al 19 marzo. Tutte le informazioni sugli orari di apertura dei temporary shop sono consultabili qui. Per maggiori informazioni: info@makeacube.com, info@avanzi.org.

Bando UniCredit Carta E 2016: i 20 progetti finalisti

2 March 2017
Si è conclusa la Fase di Selezione dei 20 progetti finalisti del Bando UniCredit Carta E 2016, promosso da UniCredit Foundation, in collaborazione con Make a Cube3 e con il supporto tecnico di Fondazione Italiana Accenture. I progetti sono stati selezionati sulla base dei criteri di innovatività, scalabilità, replicabilità e impatto sull’occupazione e sull’occupabilità dei giovani, nella fascia di età 15-29 anni, e provengono dalle 7 aree geografiche di intervento di UniCredit in Italia. Dei 20 progetti selezionati, 14 hanno prevalentemente impatto diretto e 6 generano principalmente impatto indiretto. Per quanto riguarda quelli a impatto diretto, sono stati selezionati 2 progetti per area geografica, mentre tra quelli a impatto indiretto due provengono dal Centro Nord, uno dal Nord Ovest, uno dalla Lombardia, uno dal Nord Est e uno dal Sud. Questi i 20 progetti selezionati, suddivisi per area geografica di provenienza e per tipologia di impatto che generano: NORD OVEST – 3 progetti selezionati Impatto diretto: #ilnetworkdeimestieri, Sapori e profumi della terra di Langa Impatto indiretto: disseminAZIONE LOMBARDIA – 3 progetti selezionati Impatto diretto: InOpera, Percorsi di Stoffa Impatto indiretto: Upskilling NORD EST – 3 progetti selezionati Impatto diretto: Socialwash, Pa.Pa.Pa. Pane Pasta Pasticcieria Impatto indiretto: ValemOurUniqueWorld CENTRO NORD – 4 progetti selezionati Impatto diretto: Semino, Accommodation for you Impatto indiretto: Food4Good, Artigiani del Caffè CENTRO – 2 progetti selezionati Impatto diretto: Agrinsieme, UnchainedSolidarity SUD – 3 progetti selezionati Impato diretto: ORG-OLIOSA Legalità e Solidarietà, Natavita Impatto indiretto: AgriCore SICILIA – 2 progetti selezionati Impatto diretto: Ragazzi Harraga, NEETwork I 20 progetti selezionati accederanno ora alla Fase di Pre-incubazione, realizzata dal nostro staff, che ha l’obiettivo di aiutare i team a rendere più solidi le proposte progettuali presentate attraverso momenti di workshop collettivo e colloqui one-to-one. Al temine di questa fase, sulla base dei dossier integrati e migliorati, nonché di una presentazione del progetto di fronte alla giuria, verranno selezionati i 10 progetti vincitori.

Culturability: 400 mila euro per rigenerare spazi da condividere

16 February 2017
È stata lanciata oggi la quarta edizione di culturability, il bando promosso dalla Fondazione Unipolis per sostenere progetti culturali ad alto impatto sociale di rigenerazione e riattivazione di spazi. L’edizione 2017 è stata presentata durante l’incontro Cultura e inclusione sociale. La sfida della rigenerazione urbana, che si è tenuto questa mattina presso la sede della Fondazione Feltrinelli. All’incontro sono intervenuti Filippo Del Corno – Assessore alla Cultura Comune di Milano, Mario Cucinella – Architetto Studio MCA, Pier Luigi Sacco – Economista della cultura, Università IULM, Pierluigi Stefanini – Presidente Gruppo Unipol e Fondazione Unipolis, Walter Dondi – Direttore Fondazione Unipolis e Roberta Franceschinelli – responsabile progetto culturability, e sono stati presentati i progetti selezionati con il bando 2016 culturability – rigenerare spazi da condividere: Cascinet, Caserma Archeologica, Mufant, Lab+ e Hostello delle idee. La nuova edizione di culturability mira a sostenere progettualità innovative, sostenibili, comunitarie e collaborative capaci di generare processi di cultura diffusa, rigenerazione e riattivazione di spazi, coesione e inclusione sociale. Il bando è rivolto a organizzazioni non profit, imprese e cooperative sociali e culturali, reti di organizzazioni in partenariato e team informali che propongano progetti innovativi nel settore culturale e creativo che, attraverso il recupero, il riuso e la riattivazione di beni immobili e spazi fisici mettano questi luoghi a disposizione delle comunità territoriali, generando un impatto sociale positivo e creando occasioni di rigenerazione a vocazione culturale e di sviluppo, favorendo processi e percorsi di collaborazione e cittadinanza, soprattutto giovanile. La call è aperta da oggi al 13 aprile 2017. Tra i progetti presentati, ne verranno selezionati 15 che seguiranno un percorso di accompagnamento, formazione e mentoring; 5 di questi beneficeranno di un ulteriore percorso di accompagnamento e di un contributo economico a fondo perduto di 50.000 euro ciascuno. Il bando, sviluppato in partnership con la Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane (DG AAP) del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo (MiBACT), Avanzi, Make a Cube3 e Fondazione Fitzcarraldo, prevede un contributo complessivo di 400.000 euro erogato da Fondazione Unipolis sotto forma di contributi di natura economica per lo sviluppo dei progetti selezionati, erogazione di servizi di formazione e accompagnamento per l’empowerment dei team proponenti, rimborsi spese per partecipare alle attività di supporto. Qui il nuovo sito di #culturability4

135 progetti a sostegno dell’occupazione giovanile

2 February 2017
Si è conclusa il 31 gennaio la call del bando UniCredit Carta E 2016, promosso da UniCredit Foundation, in collaborazione con Make a Cube3 e con il supporto tecnico di Fondazione Italiana Accenture. Il bando era rivolto a organizzazioni non profit e aveva l’obiettivo di sostenere progetti capaci di generare un particolare impatto diretto e/o indiretto sull’occupazione e sull’occupabilità dei giovani nella fascia di età 15-29 anni. 135 i progetti presentati provenienti da tutta Italia, che passeranno ora alla fase di valutazione. I progetti dovranno rispondere ai criteri di innovatività, scalabilità, replicabilità e impatto sociale e dovranno creare opportunità di lavoro reali e concrete per i giovani che coinvolgeranno nel percorso. I prossimi passi. Tra i 135 progetti presentati, entro il 28 febbraio 2017 verranno selezionati 20 finalisti che avranno accesso alla fase di pre-incubazione, finalizzata ad aiutare i team a rendere più solidi i progetti presentati attraverso momenti di workshop collettivo e colloqui one-to-one. Al temine di questa fase, sulla base dei dossier integrati e migliorati, nonché di una presentazione del progetto di fronte alla Giuria, verranno selezionati i 10 progetti vincitori. 7 di questi dovranno avere un impatto diretto, cioè creare occupazione, nelle 7 aree territoriali di intervento di UniCredit in Italia; 3 dovranno, invece, essere capaci di generare un impatto indiretto, attraverso azioni trasversali e di infrastrutturazione che migliorino il potenziale di occupabilità dei giovani. Ai 10 progetti vincitori sarà destinata la fase di incubazione, che si svolgerà in modalità one to one per meglio rispondere alle esigenze specifiche e ai diversi gradi di maturazione dei progetti, e l’erogazione dei contributi, per uno stanziamento complessivo di 500.000 euro, messo a disposizione da UniCredit Foundation per sostenere strategie di coesione sociale per il futuro lavorativo dei giovani. Make a Cube³ accompagnerà i progetti selezionati nel percorso di pre-incubazione e incubazione.